Il mio primo QSO in PSK31 ;)

      4 commenti su Il mio primo QSO in PSK31 ;)

Per chi fosse digiuno di terminologia radioamatoriale, si tratta della prima volta in cui effettuo un collegamento radio utilizzando il protocollo digitale PSK31, utilizzando una interfaccia autocostruita collegata al mio impianto radio. Notevole davvero! Trasmissione e ricezione chiarissime, il sistema sembra funzionare davvero bene. Ecco una foto del setup:

Il software utizzato per modulare e decodificare e’ FLDIGI sotto Debian GNU/Linux. L’interfaccia e’ li’ in foto, il progetto l’ho costruito basandomi su un’idea trovata su questo sito, ma fatta a modo mio. La parte di circuito con fotoaccoppiatore non e’ utilizzata: per partire con la modulazione utilizzo la funzione VOX del mio ICOM IC-720A modificato 😉 I trasformatorini sono una coppia di 1:1 scippati da vecchi winmodem PCI, i potenziometri per regolare i livelli di volume sono da 1000 ohm per la trasmissione da PC ad apparato (e per attivare il VOX), e da 470 Ohm per regolare il volume del segnale che dall’apparato entra sull’ingresso MIC del pc. Dell’accoppiamento di impedenza mic-apparato… me ne sono fottuto! 🙂

Ora, devo solo capire come risolvere un problema che mi affligge. Se io setto la frequenza di FLDIGI, per esempio, a 7040.150 KHz, allora per centrare in frequenza un segnale PSK31 nel Waterfall che vedete li’ sopra devo sintonizzare il mio apparato sui 7038.8 in modo da avere QUEL segnale PSK31 mostrato dentro FLDIGI con la frequenza esatta che e’ scritta sull’apparato!

C’e’ insomma una discrepanza di un tot di KHz e non capisco perche’ non posso settare direttamente il mio apparato per una frequenza precisa e collimarla con quel che si scrive su FLDIGI. Sto diventando scemo con la calcolatrice per beccare le stazioni e provare a contattarle: mettersi in isofrequenza e’ un MACELLO!

Cmq come primo esperimento ha funzionato tutto perfettamente. Ho “chattato” via radio sui 40 metri con un radioamatore di Arezzo 😉 E non sono neanche sicuro di essermi messo in isofrequenza! (E nemmeno sono sicuro che serva essere in isofrequenza, dato che nel waterfall ci stanno dentro decine di portanti e che posso scegliere via software quale andare a decodificare)

Insomma, in poche parole non ci sto capendo un cazzo. 😀